FUN CLIL

0

No comments posted yet

Comments

Slide 12

Suck= risucchiare Pierce = perforare pop

Slide 1

COOL EXPERIMENTS :-) A FUN CLIL SCIENCE LAB A. Elia, C. La Sala, P. Pane, I. Scotto di Santolo Istituto Tecnico Economico “Vittorio Emanuele II”

Slide 2

http://www.itasvemanuele.edumoot.com/

Slide 3

http://www.innovascuola.gov.it

Slide 4

EXELEARNING Il software ExeLearning è finalizzato alla creazione di Learning Objects in un ambiente di Authoring Assiste gli insegnanti nella creazione di contenuti web, senza la necessità di diventare esperti di HTML o XML.

Slide 5

ExeLearning è un software Open Source Il software può essere liberamente scaricato ed utilizzato il codice sorgente è disponibile gratuitamente E’ possibile la personalizzazione adattando l'applicazione alle proprie necessità

Slide 6

Lo sviluppo di contenuti con exe è semplice ed intuitivo Con exe gli utenti possono sviluppare le “strutture di apprendimento personalizzate” (learning structures) che più si adattano alle proprie esigenze

Slide 8

Lingua straniera e CLIL Content and Language Integrated Learning la lingua diventa mezzo per raggiungere uno scopo, non un fine in se stessa prioritaria è la comunicazione efficace piuttosto che la conformità al codice,(correttezza formale) l’orientamento è sul processo piuttosto che sul prodotto conoscenza procedurale(capacità di capire e di generare lingua) prende il posto della conoscenza dichiarativa (cioè la conoscenza delle regole formali), Nel Clil è la ‘fluency’ a precedere ‘l’accuracy’ Contesto reale di utilizzo della lingua

Slide 9

CLIL E le TRE DIMENSIONI DEL SAPERE COGNITIVA Centralità del contenuto METACOGNITIVA Riflessione sulle scelte linguistiche-comunicative RELAZIONALE Apprendimento cooperativo

Slide 10

Obiettivi individuati Migliorare la competenza nella LS attraverso lo studio di contenuti disciplinari Stimolare una maggiore consapevolezza dei contenuti disciplinari attraverso l’apprendimento in LS. Creare occasioni di uso “reale” della LS ed incentivare la motivazione Educare a un approccio multidisciplinare al sapere Stimolare tecniche di apprendimento cooperativo e collaborativo Incentivare i docenti a lavorare in equipe

Slide 11

Obiettivi Specifici CONOSCENZE: concetti base relativi alla pressione atmosferica, la fisica dei fluidi, le forze ed il magnetismo ed ì legami e le reazioni chimiche COMPETENZE: analizzare testi sotto il profilo linguistico per individuare concetti chiave, esporre in modo chiaro e concettualmente corretto ed organizzare un discorso coerente

Slide 12

6 EXPERIMENTS … "EXPERIMENT N. 1" How to suck an egg into a bottle “EXPERIMENT N.2" How to make things levitate "EXPERIMENT N. 3" How to pierce a balloon without it popping "EXPERIMENT N. 4" How to make an ocean in a bottle "EXPERIMENT N. 5" How to put out a candle without blowing it "EXPERIMENT N. 6" How to clean a penny

Slide 14

LA Mappa iniziale

Slide 15

Il video

Slide 16

Il video Il contenuto che si fonda su esperienze concrete non è solo più facile da capire ma stimola l’apprendimento linguistico Gli elementi visivi e l’esperienza concreta rendono l’input comprensibile Gli studenti associano il significato con l’esperienza. Adatto a studenti con competenze linguistiche limitate

Slide 17

CLOZE ACTIVITY

Slide 18

GLOSSARIO

Slide 19

TRUE/FALSE ACTIVITY

Slide 20

Attività di primo livello CLOZE ACTIVITY: indirizza l’alunno verso un ascolto attento focalizza l’attenzione su alcuni aspetti dell’esperimento, nonché su elementi linguistici GLOSSARIO: facilita la comprensione ed include lessico disciplinare e di trasferimento TRUE/FALSE ACTIVITY: guida la comprensione pone l’accento su forme linguistiche che potrebbero causare fraintendimenti

Slide 21

CDD: Attività di primo livello Rientrano tra le attività di supporto alla comprensione scritta e orale Richiedono limitata rielaborazione da parte dello studente, sia dal punto di vista formale, che dal punto di vista concettuale Il loro scopo non è quello di stimolare capacità cognitive elevate ma semplicemente quello di semplificare l’accesso al testo

Slide 22

“CLIL” e “SCIENZE” PROGETTAZIONE DEI CONTENUTI DIDATTICI

Slide 23

Caratteristiche dei CDD I contenuti sono presentati in modo concreto, attraverso esperimenti, in cui la comunicazione non verbale assume un ruolo importante, facilita la comprensione dei contenuti e stimola l’apprendimento linguistico Adatti anche a studenti con competenze linguistiche limitate

Slide 24

Vantaggi del CLIL + EXelearning per la creazione di CDD Ambiente di apprendimento di facile strutturazione Possibilità di inserimento di contenuti multimediali video – file mp3 - presentazioni ppt in flash, links e oggetti interattivi Reader2d

Slide 25

CDD + Project Work Fruizione del CDD (Guidato? In self access?) Now … it’s your turn! Ripetizione dell’esperimento nel proposto laboratorio della scuola (Esperimenti con materiali di uso quotidiano, facilmente riproducibili) Formazione di gruppi di lavoro (5 allievi) Lavoro di gruppo e … focus su 1 esperimento Presentazione dell’esperimento alla classe Ripresa video e pubblicazione online

Slide 26

La nostra missione è creare co-ntesti, programmi, strumenti ed ambienti di apprendimento e di esplorazione innovativi che aiutino a sfruttare la propria innata curiosità per imparare a conoscere il mondo circostante

Slide 27

“Using Languages to Learn and Learning to use Languages” (D. Marsh, 2000)

URL: